Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player


 

 

 

 

AI-KI-DO

 

 

AI – Oltre ad "unione" significa anche "amore", "armonia" con le leggi della natura. Apprendere l’Aikido significa comprendere le leggi naturali del movimento.
Il praticante è quindi chiamato ad un costante impegno rivolto alla ricerca di un’armonizzazione con le azioni dei propri partner (uke). I movimenti e le tecniche si ispirano ai principi della filosofia naturalistica (il vortice dell’aria e dell’acqua, le onde del mare). In questo modo i movimenti e le azioni possono essere comprese attraverso le leggi naturali, senza ricorrere necessariamente a principi di ordine trascendente o spirituale. In questo modo si sviluppa l’armonia tra le forze fisiche coinvolte, non vi sono contrasti o collisioni tra di esse (ad esempio un attacco non cessa necessariamente se e solo se una forza di una certa entità gli si oppone). La forza irrompente generata da un attacco sarà quindi guidata, armonizzata con un’azione che mirerà a ridirigerla laddove risulterà più innocua. Armonizzando il proprio agire con quello dell’aggressore sarà possibile ridirigere l’energia negativa di quest’ultimo in modo appropriato neutralizzandola e senza causare traumi fisici.

 

KI – Significa "energia vitale" quindi non solo energia fisica ma anche energia psichica e mentale.
uno dei fini dell’Aikido è il raggiungimento della consapevolezza della propria energia e di imparare quindi a controllarla. In quanto vitalità, questa energia non è dissimile dall’energia dell’Universo di cui fa parte. Quando il “Ki” viene a mancare subentrano morte e desolazione. Tramite la pratica dell’Aikido è possibile acquisire un particolare autocontrollo, una straordinaria energia interna e migliorare la propria capacità nel relazionarsi con il prossimo. La maggiore coscienza di sé mantenendosi in forma e sviluppando serenità interiore.

 

DO – Significa "Via" o cammino ma inteso come percorso e ricerca spirituale da compiere.
L’Aikido è quindi il percorso spirituale che ci permette di armonizzare la nostra energia interiore congiuntamente con la sorgente universale per poi espanderla sulla terra diventando così tutt’uno con l’ambiente che ci circonda.

 

 

Nell’Aikido il percorso è raggiunto attraverso quattro livelli di consapevolezza:

  • il primo livello KO-TAI (ovvero il “corpo solido”) corrisponde alla capacità di poter gestire il proprio corpo in modo consapevole ed efficace. Corrisponde all’acquisizione dei movimenti attraverso lo studio graduale ed assiduo dei movimenti di base fatti di angoli di squilibrio. Lo studio ha come presupposto la precisione dei movimenti.

  • Il secondo livello JU-TAI (“corpo flessibile”) presuppone lo sviluppo di movimenti flessibili: il corpo ha acquisito le basi corrette del movimento e delle tecniche per cui diventa possibile associare ad esso flessibilità e disinvoltura. La sicurezza del movimento si accompagna ad una maggiore consapevolezza dei ruoli di attaccante e di difensore.

  • Il terzo livello, RYU-TAI (“corpo fluido), rappresenta lo stadio di evoluzione della pratica in cui i movimenti di chi attacca e di chi si difende si fondono in un’unica sorgente di movimento fisico. Spariscono incertezze di movimento e pause, i ruoli si compenetrano nella fluidità del movimento. L’energia dell’avversario viene diretta in modo continuativo e fatta scorrere nella direzione voluta.

  • Il quarto livello KI-TAI (“livello spirituale”) rappresenta la massima consapevolezza del movimento. In questo livello si conosce il momento e la fonte in cui sgorga l’attacco. Esso rappresenta il massimo livello di conoscenza della disciplina da parte dell’Aikidoka. Questo stato di consapevolezza si raggiunge solamente dopo tanti anni di pratica quando la sensibilità ha raggiunto un livello di “quasi” perfezione. In questo luogo delle coscienze viene raggiunta l’unione spirituale tra tori e uke oltre a quella fisica e mentale. Il corpo non è  più soggetto a vincoli di movimento e la mente è completamente in armonia con quella dell’avversario. In questo stato lo spirito può agire liberamente senza più vincoli di sorta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiki Shuren Dojo Milano